Statuto

ESTRATTO DELLO STATUTO

Art. 1 – È costituita un’Associazione culturale denominata “Accademia Italiana di Filatelia e Storia Postale”.

Art. 2 – La sede dell’Accademia è fissata presso il Presidente pro-tempore, attualmente in Parma (43123) in viale Partigiani d’Italia n° 16.

Art. 3 – L’Accademia è libera e indipendente, non ha fini di lucro ed è apolitica e aconfessionale. Essa si propone, esclusa ogni e qualsiasi finalità di lucro, di:

- radunare gli studiosi e gli autori più capaci e rappresentativi che operano nel campo della storia postale e della fila-telia, con particolare riguardo ai paesi italiani;
- stimolare studi e ricerche sulla filatelia e la storia postale dei Paesi italiani e favorirne la pubblicazione e la divulga-zione in Italia e all’estero;
- promuovere, partecipare e collaborare a ogni tipo di iniziativa – pubblicazioni, riviste, conferenze, esposizioni, corsi ecc. – utile a diffondere la conoscenza della storia postale e della filatelia in generale e dei Paesi italiani in particolare;
- fornire assistenza e consulenza in materia di filatelia e storia postale a Enti e organizzazioni statali e/o culturali che ne facciano richiesta, contro il semplice rimborso delle spese vive eventualmente sostenute per l’espletamento dell’incarico.

Art. 4 – I membri dell’Accademia si distinguono in effettivi, emeriti e ad honorem.

Gli Accademici effettivi, italiani e stranieri, in numero massimo di 40 (quaranta), sono scelti tra i cultori di filatelia e di storia postale che si sono particolarmente distinti per i loro studi e la loro attività, in particolare pubblicistica, e che si impegnano a realizzare attivamente i programmi dell’Accademia.
Ogni candidato è proposto all’Assemblea dal Consiglio Direttivo, che ne avrà valutato insindacabilmente la candida-tura presentata da almeno due Accademici e corredata da un suo curriculum. Il candidato sarà ammesso a far parte dell’Accademia se otterrà il consenso, espresso con votazione segreta, di almeno i due terzi degli Accademici presenti all’Assemblea, personalmente o per delega.

Accademici emeriti, anch’essi nominati su proposta del Consiglio Direttivo e senza limiti di numero, sono coloro che hanno acquisito particolari meriti nei confronti dell’Accademia.

Gli Accademici ad honorem, eletti con la medesima procedura e senza alcun limite di numero, comprendono perso-nalità, enti e privati che abbiano acquisito titoli di merito e di benemerenza verso l’Accademia e, in generale, verso la filatelia e la storia postale italiana.

I membri emeriti e ad honorem sono esclusi da qualsiasi contributo associativo. I membri ad honorem possono par-tecipare alle Assemblee ma senza diritto di voto, e non possono essere eletti a qualsiasi carica associativa.

(...)