Dall'antico Cito a un moderno sito,
ecco la vera posta

Per oltre mezzo millennio la posta è stata il più importante se non l'unico mezzo di comunicazione disponibile. Ecco perché la Posta risulta un protagonista di primo piano della Storia: quella politica scandita dai grandi eventi e dai grandi personaggi; quella economica tracciata nel passaggio da necessità privata a istituzione statale ed oggi a società per azioni; quella spicciola, d'ogni giorno e della gente comune.

Una storia che si può leggere non solo dai testi delle corrispondenze ma anche da come sono scritte, dai servizi postali e dai loro tariffari, dai bolli e dalla normativa postale, dalle carte-valori postali e dalle loro illustrazioni, dalle limitazioni imposte in particolari momenti di tensione e di guerra, dagli oggetti accessori nati dalla posta (guide turistiche, carte stradali, buste e cartoline illustrate, portafrancobolli, e persino giochi per bambini), dai sistemi di trasporto o trasmissione dei messaggi e persino dagli effetti che la posta ha avuto sulle abitudini, sul lessico, sulla stessa vita civile.

Una storia, quella postale, che si può leggere su un duplice piano: quello culturale e quello collezionistico, per nulla in contrasto fra loro, come mostrano i molti che in tutto il mondo si appassionano a francobolli, lettere, cartoline, moduli, decreti antichi e recenti. Che sin da metà Ottocento hanno dato vita ovunque a una fitta rete di associazioni, esercizi commerciali, aste, manifestazioni, esposizioni e soprattutto di pubblicazioni specializzate, che amplia ancor più i piaceri offerti dalla filatelia, un hobby che può essere alla portata di tutti: facilità di sistemazione dei materiali, migliaia di temi fra cui scegliere quello più congeniale ai propri gusti, l'eventualità di nuove scoperte e la soddisfazione di comunicarle.

Possibilità che aumentano quando si intende la filatelia nel suo senso più ampio e suggestivo, quello della storia postale: non solo francobolli ma tutte le carte-valori postali e i vari sistemi di pagamento e tassazione; non solo vignette, filigrane, dentellature ma gli spesso intriganti significati politici, sociali, artistici e di costume che vi stanno dietro; non solo corrispondenze ma anche telegrafi, bancoposta e i vari mezzi di comunicazione fino all'e-mail; e anche epistolografia, semiotica, iconografia, economia, storia dell'arte, e altro ancora.

Un mondo vastissimo e affascinante, che l'Accademia Italiana di Filatelia e Storia postale vi invita a scoprire in modo non superficiale, ed escludendo il classico “quanto vale?”, che viene lasciato ad altri.
Con il nostro più cordiale benvenuto!

Il Novellario



Il Novellario, vuol essere un catalogo di nuova generazione, che riconsidera ex-novo tutta la materia filatelica e postale italiana senza i pregiudizi della tradizione ma in base a regole precise, logiche e predefinite; per consentire al collezionista di decidere in piena libertà e coscienza quali pezzi inserire nelle sue raccolte e di valutare quale sia il loro giusto prezzo al di là delle mode del momento. E vuol essere molto più che un catalogo, un racconto e insieme un’enciclopedia della posta e del francobollo in Italia, di gradevole lettura ma seriamente documentato, che tocchi tutti i molteplici aspetti dell’argomento....
[ Leggi tutto ]